Automazione industriale: i nuovi trend per il 2024

        Automazione industriale: i nuovi trend per il 2024

        Anno nuovo, tempo di previsioni. Quali saranno le principali tendenze che ci accompagneranno durante questo 2024?

        Analizziamo i nuovi trend da tenere sott’occhio nel campo dell’automazione industriale.

         

        Tendenze da monitorare

        Il 2023 ha visto molte realtà industriali adottare soluzioni innovative per rispondere efficacemente alle richieste di cambiamento in ambito energetico.

        Abbiamo raccolto gli spunti di riflessione più interessanti per offrire una panoramica completa delle future applicazioni riguardante il settore industriale.

        • Sostenibilità

        Un argomento oggetto di discussione per le aziende di produzione è stato l’integrazione dei principi ESG nei processi decisionali. 

        Il focus è la riduzione del consumo di risorse e l’impatto ambientale delle imprese, secondo gli obiettivi di decarbonizzazione europea.

        La sostenibilità, dunque, prenderà una spinta maggiore, le aziende dovranno andare incontro ai trend e promuovere nuove soluzioni competitive.

        • Modello local-for-local

        Come evidenziato da Omron, leader dell’automazione industriale, gli ultimi avvenimenti hanno portato le imprese a riorganizzare la strategia di approvvigionamento.

        Una supply chain globale infragilita dalle lunghe distanze che ha portato a considerare la produzione delocalizzata non sempre vantaggiosa.

        Una soluzione che potrebbe attuarsi è la replica in altre zone geografiche, creando una produzione standardizzata del prodotto.

        • L’importanza della CX

        Conseguenzialmente alle crisi di approvvigionamento delle risorse, altra tendenza da monitorare è la CX, la Customer Experience.

        Dopo le recenti problematiche legate all’approvvigionamento dei beni, il prezzo e il ruolo del prodotto siano passati in secondo piano.

        Adesso risulta essenziale un’esperienza d’acquisto positiva per il cliente e un’efficace capacità di relazionarsi con i propri distributori e partner.

        Nel settore automotive, infatti, le aziende si dimostrano interessate ad acquistare una soluzione e non un semplice prodotto.

        Questo perché nel processo di acquisto della clientela entrano in gioco fattori relazionali che regalano un valore aggiunto all’impresa.

        • Tecnologie di connessione OT e IT

        Con la possibilità di riprogettare la produzione e verificare le modifiche in un ambiente 3D, la realizzazione beneficia di numerosi vantaggi. I tempi di implementazione si riducono notevolmente e si valorizzano gli investimenti in termini di ottimizzazione dei costi e risorse

        Si sentirà spesso parlare di produzione flessibile 4.0, un sistema dove i robot industriali lavorano coordinati da attività programmate.

        La produzione flessibile permetterà la riconfigurazione delle risorse col fine di ampliare il portfolio di prodotti e la qualità.

        Ottimizzazione dei costi e delle risorse equivale dunque a competitività.

        foto 2 (1)

         

        • Analisi dei dati e della qualità

        Il monitoraggio e la gestione degli elementi critici dei macchinari sono importanti per consentire un’efficienza costante delle macchine.

        L’utilizzo di strumenti di realtà virtuale per il monitoraggio  garantirà una produttività più efficiente. 

        Dispositivi complementari come programmi per l’acquisizione e l’analisi dei dati e delle prestazioni delle macchine porteranno miglioramenti nei sistemi automatizzati.

        Particolare attenzione sarà posta di conseguenza sulla qualità e su sistemi efficaci di ispezioni per verificare l’integrità della realizzazione.

        • Intelligenza Artificiale (AI)

        Per il settore dell’automazione industriale, le soluzioni di AI sono da considerarsi come una grande opportunità per l’ottimizzazione delle prestazioni dei sistemi.

        Possiamo quindi prevedere che nuove tecnologie di sviluppo saranno adottate per garantire qualità, sicurezza e sostenibilità, requisiti de facto dell’industria.

        Nel 2024 proseguirà la crescita dell’industria 4.0 e il percorso di trasformazione digitale per accelerare l’implementazione dei processi industriali.

         

        Nuovi approcci tecnologici

        Le aziende devono adattarsi velocemente a nuovi contesti evolutivi, guidate dalle tendenze che le obbligano a integrare modelli di gestione. 

        È necessario un approccio consapevole dei cambiamenti per mitigare i fattori di rischio e rendere fluida l’integrazione di nuove applicazioni.

        Le aziende hanno bisogno di ridefinirsi con nuovi valori, preservando gli investimenti e sfruttando queste nuove tecnologie in ascesa.

        L’AI è certamente uno strumento dalle potenzialità infinite, ma necessita di una solida gestione dei rischi e controlli. 

        Questo perché i data risultano vulnerabili: bisogna stabilire protocolli per la protezione dei dati e della sicurezza.

        Investimenti affidabili per la creazione di valore all’interno dell’impresa devono aiutare la crescita nel mercato industriale.

        Le nuove applicazioni possono di fatto offrire strumenti validi e affidabili per operazioni produttive vantaggiose, ma soprattutto pratici per raggiungere nuovi obiettivi aziendali.

         

        Related Posts

        Idrogeno, la nuova risorsa dei settori industriali

        Le potenzialità e le criticità connesse alla produzione dell’idrogeno sono argomenti che negli...

        Read more

        Secular Trends: idrogeno, elettrificazione e thermal management

        Le tendenze secolari o “secular trends” sono topics da tenere sott’occhio per una collocazione...

        Read more

        Il Condition monitoring: funzionalità e vantaggi

        Nel panorama dell’industria 4.0 si sente spesso parlare dicondition monitoringe del valore...

        Read more